Sui dati Svimez non mi sembra ci sia nulla per cui esaltarsi

Sui dati Svimez non mi sembra ci sia nulla per cui esaltarsi

Oggi i dati Svimez rilevano che nel Sud il rischio povertà è il triplo rispetto al resto del Paese. La recessione ha inciso pesantemente sulle condizioni delle famiglie, in particolare quelle più numerose e gli individui in condizione di povertà sono aumentati di 218mila unità nel Mezzogiorno. Non mi sembra ci sia nulla per cui esaltarsi. Forse al Governo non è ancora ben chiaro che la partita per l’Italia si gioca anche e soprattutto nel Sud. Anche il ddl povertà votato alla Camera dei Deputati è purtroppo privo di risorse adeguate e non i grado di rispondere alle esigenze del Paese. Bisogna ripartire, non dalla politica dei bonus, ma da quella industriale, del lavoro e degli investimenti, anche pubblici, in un momento in cui non si riesce ancora ad uscire dalla crisi. I 600 milioni per questo anno e un miliardo per il prossimo al capitolo povertà sono troppo pochi. Servono almeno 10 miliardi, come dice Banca d’Italia, che guarda caso sono quelle risorse che il Governo Renzi ha utilizzato orientandoli verso il bonus degli 80 euro.”

Invia commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>