Opzione Donna, erogazione al di sotto delle aspettative

Opzione Donna, erogazione al di sotto delle aspettative

Dal 2016 ad oggi le pensioni liquidate in regime ‘opzione donna’ sono in totale 18.743, ben al di sotto delle previsioni ipotizzate dall’Inps per l’anno passato.

Il dato emerge da una tabella che ci è stata fornita oggi in XI Commissione CdD, in risposta a una interrogazione da me presentata, con la quale si richiedeva al ministero del Lavoro di ottenere dall’Istituto di previdenza i dati relativi ai flussi di pensionamento, disaggregati per genere ed erogati con il regime sperimentale opzione donna.

La disaggregazione dei dati rappresenta un elemento importante proprio in vista di una eventuale proroga dell’opzione. Se i numeri registrati dall’Inps dovessero rimanere inferiori alle previsioni dello stesso Istituto, non vedo perché continui a essere difficoltoso garantire una estensione del regime o addirittura far diventare la misura strutturale. Dato che, si continua a essere ben lontani dall’esaurimento del fondo destinato.

Da quando è stato introdotto il regime sperimentale ‘opzione donna’ numerose lavoratrici ne hanno usufruito. Al di là dei numeri, che pure sono fondamentali per comprendere la portata sociale della misura, quello che voglio evidenziare sono gli sforzi che prima di ogni proroga hanno dovuto affrontare queste donne. Ultima la battaglia, se così vogliamo chiamarla, delle lavoratrici dell’ultimo trimestre ’57/’58, mentre ancora in un limbo di incertezza rimangono le donne che chiedono la proroga del regime per il 2018.

Opzione Donna dovrebbe diventare un diritto implicito, anche perché non solo è su base volontaria ma produce un tale risparmio da pensare di investirlo su altro.

1 commento

  1. GRAZIE Senatrice Polverini da parte di migliaia di donne e famiglie- da mesi in grave ansia per la inconsulta chiusura della sperimentazione di Opzione Donna.
    Ora grazie a Lei abbiamo finalmente tutti potuto accertare i NUMERI dell’ Opzione Donna! Ancor piu’ meritevole di plauso e’ stato che- a conseguenza di tali dati -LEI ha
    chiaramente SOSTENUTO l’ OPPORTUNITA’ di una CONTINUAZIONE della SPERIMENTAZIONE e ancor piu’ di una sua ISTITUZIONE PERMANENTE . Siamo orgogliose di dirLe che in molti seguiamo e supportiamo il suo lavoro, come pure quello di ogni Senatore o Deputato che si interessi direttamente e concretamente alla nostra Istanza (come si evince dalla grande partecipazione ai Comitati).
    In questo contesto ci troviamo in moltissime ora a chiederLE – avendo Lei le risorse e i mezzi politici per farlo- di PERORARE LA CAUSA DI MIGLIAIA DI DONNE IN ATTESA DI CONFERMA DELL’ OPZIONE DONNA ALMENO FINO AL 2018 ( e della sua successiva ISTITUZIONE PERMANENTE ) senza ulteriori esitazioni e rimandi -prima della fine dei decreti attuativi all’ interno dei decreti Milleproroghe .
    Questo-per tutte noi Donne in attesa di uscire CON IL SISTEMA CONTRIBUTIVO, cioe’ SOLO CON I NOSTRI CONTRIBUTI VERSATI e per chi ci sostiene- sara’ ANCHE un esempio di giustizia ed equita’ per NON PESARE SULLE GENERAZIONI CHE CI SEGUONO.
    Contando in una Sua decisiva opera di supporto, La ringrazio per l’ attenzione
    Dott. Marina Favero

    Rispondi

Invia commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>