Ius Soli: dibattito meno aspro

Ius Soli: dibattito meno aspro

Ieri pomeriggio ospite della trasmissione televisiva Tagadà su La7:

“Sono sconcertata dall’asprezza del dibattito sullo Ius Soli e mi onoro di essere l’unica parlamentare di centrodestra ad aver votato la legge sulla cittadinanza alla Camera, la vita che ho vissuto mi ha portato a confrontarmi con una società che è cambiata.

Il dibattito sullo Ius Soli viene continuamente inquinato da un improprio riferimento al problema dell’immigrazione per meri interessi elettorali, mentre è del tutto evidente che stiamo parlando di ragazze e ragazzi che sono in Italia da molto tempo, che frequentano le nostre scuole, i nostri oratori, le nostre università e non solo condividono la nostra cultura ma si esprimono il più delle volte nel dialetto delle regioni dove risiedono.

Ho votato a favore della legge già passata alla Camera dei Deputati perché ritengo indispensabile concedere la cittadinanza a chi, avendo fatto un percorso di studi nel nostro Paese, decide di assorbirne i valori di riferimento e le tradizioni – a partire dalla lingua italiana – ma anche perché quella legge si ispira e contiene quel principio del cosiddetto Ius Culturae che caratterizzava proprio la mia proposta di legge presentata ad inizio legislatura nel 2013″.

 

GUARDA l’intervento in diretta a Tagadà ‘Sono sconcertata e mi onoro di essere l’unica di centrodestra ad aver votato lo ius soli’

Invia commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>