Il Presidente dell’Inps devia verso il privato la gestione della previdenza pubblica

Il Presidente dell’Inps devia verso il privato la gestione della previdenza pubblica

E’ inaccettabile che il Presidente dell’Inps Tito Boeri continui a mistificare i costi della previdenza pubblica. E’ evidente infatti che il suo obiettivo è quello di “deviare” verso il “privato” la gestione della stessa, troppo onerosa, secondo Boeri, per le casse dello Stato.

Abbiamo assistito, sin dal suo insediamento, a pesanti campagne diffamatorie nei confronti dei lavoratori. Non ultima quella rivolta ai ferrovieri e autoferrotranvieri, accusati di percepire da pensionati una cifra più alta rispetto ai contributi versati durante gli anni di servizio.

Il Presidente dell’Inps si investe in maniera autonoma, scalzando l’indirizzo del Parlamento e dell’Esecutivo, di un potere politico che non dovrebbe esercitare.

Il suo profilo dovrebbe essere prettamente tecnico e non dovrebbe sfociare in continui deliri di onnipotenza. Il riferimento va alla serie di provvedimenti che Boeri ha imposto ad agosto, con efficacia da settembre, all’interno dell’Istituto in vista di una razionalizzazione della dirigenza.

Per tutte queste ragioni ho provveduto a inviare richiesta di audizione dei vertici Inps e del ministro del Lavoro al Presidente della XI commissione di Montecitorio.

 

Invia commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>