Garantire sicurezza del e sul lavoro

Garantire sicurezza del e sul lavoro

L’art.117 della Costituzione riformata recita: “Lo Stato ha legislazione esclusiva nelle seguenti materie: […] tutela e sicurezza del lavoro”. Questi due elementi vanno intesi, secondo la nuova riformulazione che dovrebbe garantire l’avvio a livello nazionale di politiche attive sul lavoro, come un impegno da parte dello Stato a creare posti di impiego stabili. Ebbene la stabilità è un concetto che va interpretato non solo come rapporto regolato da contratto ma anche come certezza del luogo in cui si rimane per passione, necessità e dignità umana.

Purtroppo il bilancio sulle morti nei posti di lavoro, che ci aveva lasciato il 17 settembre con due tragiche notizie (l’operaio rimasto ucciso mentre puliva un nastro trasportatore di minerali interno all’Ilva di Taranto e l’impiegato Atac, folgorato nel deposito competente per la tratta Roma – Viterbo) è aumentato ieri pomeriggio contro ogni aspettativa. Perché ogni volta ci ripetiamo che da quel momento in avanti l’impegno dovrà essere costante affinché si azzerino le morti sul lavoro.

Il testo unico sulla salute e la sicurezza rimane sempre più spesso sulla carta, anche se sulla vicenda di Messina, dove hanno perso la vita tre operai che lavoravano a bordo della nave Sansovino, dovranno fare chiarezza le due inchieste aperte dalla Capitaneria di Porto e dalla Procura cittadina.

Leggere sui giornali che forse le morti si sarebbero potute evitare, perché la cisterna doveva essere bonificata prima dell’ingresso degli operai, tra le altre cose considerati esperti, ci fa riflettere. Ossia ci fa pensare sulla necessità di applicare, in particolare nei posti di lavoro a rischio come le fabbriche o i luoghi a contatto con sostanze pericolose, tutte le norme che il legislatore ha posto a tutela degli impiegati.

Il datore di lavoro deve monitorare anche attraverso delega ai suoi sottoposti che le regole vengano osservate.

Invia commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>