Dovere morale abbassare etá pensionabile

Dovere morale abbassare etá pensionabile

Dopo la pausa estiva il dibattito politico ritorna sulla questione delle pensioni, nello specifico sulla possibilitá di innalzare l’etá.

Oggi ospite di Coffee Break su La7 ho ricordato che nel Documento di Economia e Finanza del 2015 si legge un passaggio importante sui risparmi di spesa ricavati dalle riforme pensionistiche:

“I risparmi di spesa, raggiunti con l’insieme delle riforme sulle pensioni tra il 2004 e il 2050, ammontano a 60 punti percentuali di Pil”.

Troppo allarmismo ci allontana dal trovare una soluzione idonea a un problema che interessa migliaia di italiani.

In questi ultimi anni abbiamo dimostrato di essere incapaci a trovare una soluzione per abbassare l’etá pensionabile. Questo aspetto è un vero e proprio dovere morale anche nei confronti dei nostri giovani.

Abbiamo semplicemente varato provvedimenti su esodati, le otto salvaguardie e in finanziaria la proroga a opzione donna, contrariamente a ció che l’Inps indicava, ossia l’assenza di risorse.

 

 

Invia commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>