Boeri si deve dimettere. Anche il Mef boccia il progetto di riorganizzazione Inps

Boeri si deve dimettere. Anche il Mef boccia il progetto di riorganizzazione Inps

Il Presidente dell’Inps Tito Boeri dovrebbe dimettersi dopo il documento del ministero di Economia e Finanza che blocca il suo piano di riorganizzazione dell’Istituto. La richiesta di chiarimenti da parte del Mef sbarra la strada al progetto di riordino che nei fatti riduce il potere del Consiglio di Indirizzo e Vigilanza Inps.

Come si legge nelle carte ministeriali il disegno del Presidente crea un problema anche sul fronte della distinzione di funzioni e poteri in capo al vertice politico dell’Inps e il Direttore generale. L’Istituto di previdenza si regge su un sistema duale in cui  il Presidente deve mantenere l’indirizzo politico dell’Ente mentre al Direttore generale spetta tutta l’attività gestionale. Ecco perché la delibera di organizzazione pensata da Boeri, al punto in cui afferma che il Presidente “determina i criteri generali e le modalità applicative degli stessi per l’assegnazione delle funzioni, per i trasferimenti, per l’attribuzione della retribuzione di posizione e di risultato per le qualifiche dirigenziali”, si scontra con la salvaguardia dei ruoli al vertice.

Per far fronte poi allo spreco di risorse economiche il Ministero di via XX settembre consiglia di porre un limite alla richiesta di altro personale, che deve avvenire solo in vista di una effettiva mancanza di risorse interne. 

E’ chiaro come il quadro delineato sia conforme alle perplessità di cui ho dato riscontro qualche giorno fa richiedendo l’audizione in commissione Lavoro, di cui sono Vice Presidente, dei vertici Inps e del ministro Poletti.

E’ necessario infine che la riorganizzazione tenga conto della discussione interna all’Istituto, in particolare dei dubbi esposti dal Civ, all’interno del quale ci sono le rappresentanze sindacali dei lavoratori, dei datori di lavoro e dei lavoratori autonomi.

Invia commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>