Ape, un favore alle banche e alle assicurazioni. Tradito il patto con i cittadini

Ape, un favore alle banche e alle assicurazioni. Tradito il patto con i cittadini

58B17D3E-D3F6-496A-B3C2-463DFB4EEFB510B50C0A-5EF2-43E6-A1F9-67D4249DA404EC61F9EE-B03D-42E1-83E8-C1058D538DEE

1 commento

  1. La Dott.ssa Fornero, nonché il Governo Monti, si dovrebbero vergognare per ciò che hanno fatto. Avevo una grande fiducia quando sono stati nominati, perché pensavo che come tecnici avrebbero finalmente realizzato ciò che necessita a questo paese per la soluzione di problemi che ci trasciniamo da decenni. Invece alla fine si è capito che sono stati messi lì dai politici, in modo intelligente, per fare l’unica cosa per la quale sono stati nominati: alzare l’età pensionabile delle persone che hanno lavorato una vita e mantenere tutti i privilegi della casta. In questo modo i politici ne sono usciti indenni e accusano il Governo Monti di avere approvato una legge impopolare di cui ovviamente sono responsabili. Infatti se ci ricordiamo bene, Monti, prima di prendere qualsiasi decisione, riuniva i responsabili dei partiti per avere da loro gli indirizzi su ciò che loro volevano che facesse, perché era solo un esecutore che voleva mantenere la sua poltrona di Senatore a Vita. Purtroppo per noi Monti si vanta, insieme agli altri tecnici di quel Governo, di essere un professore universitario che ha sempre criticato la politica economica dei vari governi per poi non mettere in atto assolutamente nulla dei vari principi economici da lui tanto declamati nelle aule universitarie. L’innalzamento dell’età pensionabile con validità retroattiva è anticostituzionale perché i lavoratori quando sono entrati nel mondo del lavoro hanno sottoscritto un contratto con delle regole che sono state modificate negli anni con decisioni unilaterali. La decisione può valere solo ed unicamente per le persone che entrano nel mondo del lavoro dalla data in cui è stata approvata la Legge per l’innalzamento dell’età pensionabile ma NON PUO’ ESSERE RETROATTIVA! E’ UNA VERGOGNA TIPICA DI QUESTO PAESE

    Rispondi

Invia commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>