Sulle pensioni il Governo non dà certezze

Sulle pensioni il Governo non dà certezze

“L’incertezza sulle pensioni molto spesso é provocata dalle dichiarazioni estemporanee del presidente dell’Inps Boeri che farebbe bene invece ad occuparsi del funzionamento del suo istituto. Veniamo da tre anni di grande difficoltà: non ci dimentichiamo degli esodati, dei quota96 e della grande questione che riguarda le donne che avevano nella loro disponibilità una normativa che arrivava dal Governo Berlusconi, ma che a causa di questo esecutivo non hanno potuto accedere alla pensione. In commissione lavoro alla camera, opposizione e maggioranza, lavorano unite per tentare di dare una certezza rispetto all’uscita dal lavoro e l’accesso alla pensione. Sono state anche incardinate diverse proposte di legge tra cui quella di Damiano e su questo abbiamo qualche timida apertura da parte del Governo. Sulle pensioni integrative già la riforma Maroni sottolineava che non era possibile vivere con la sola pensione pubblica ed infatti erano state messe in campo misure fiscali per incentivare le giovani generazioni. Ma il Governo attuale ha fatto marcia indietro.”

La Capitale ha bisogno di persone capaci

La Capitale ha bisogno di persone capaci

“Certo che Alessandra Mussolini potrebbe essere un nome straordinario come capolista per Forza Italia.”Così risponde la deputata di Forza Italia Renata Polverini alla domanda del conduttore di Radio Cusano Campus.”Serve una persona riconoscibile che sappia guidare la lista e mi auguro possa trascinarci alla vittoria insieme ad Alfio Marchini. Giorgia Meloni non può rappresentare tutto quel voto di destra che invece Mussolini potrebbe rappresentare al meglio. Salvini, ieri, ha reagito in modo duro e scomposto: non ci dimentichiamo che é stato lui a trascinare la Meloni nell’avventura verso il Campidoglio quando inizialmente avevano accettato la candidatura di Bertolaso. Ancora una volta però Berlusconi ha dato prova di capacità straordinarie di leadership e ha gettato le basi per un centrodestra più moderato che dai nostri elettori é sicuramente visto meglio rispetto alla destra estrema di Salvini. Ieri ho incontrato il Presidente Berlusconi e abbiamo parlato di questa nuova avventura verso il Campidoglio. Roma ha bisogno di persone capaci di risolvere i grandi problemi della città e benché dispiaciuto di questa rottura su Roma con Meloni e Salvini, ma consapevole che non si poteva fare altrimenti, Berlusconi ha confermato il suo impegno di schierarsi insieme a noi in questa campagna elettorale. Penso che anche Storace alla fine convergerà su Alfio Marchini: ha governato sempre in coalizione con forza Italia e insieme a Berlusconi. A Roma quindi si riproporrebbe quella coalizione che per venti anni ci ha fatto vincere tante elezioni politiche ed amministrative.”

Berlusconi ha aperto il cantiere di un nuovo centrodestra

Berlusconi ha aperto il cantiere di un nuovo centrodestra

“Il sacrificio di Bertolaso è un grande gesto d’amore per Roma, la confluenza su Marchini il segnale che Berlusconi ha aperto il cantiere di un nuovo centrodestra del quale ancora una volta ha riaffermato la sua leadership.” Così da Torino per un impegno improcrastinabile la deputata di Forza Italia Renata Polverini.

“Un centrodestra moderato, aperto alla società civile, inserito a pieno titolo in quel contesto europeo che ha come riferimento il PPE e, come stella polare, i valori cattolici dell’accoglienza, della famiglia, della difesa dei più deboli. Ora la Capitale ha davvero una chance per uscire fuori dalla crisi amministrativa, ma anche morale ed economica ereditata dalla sciagurata gestione di Marino e del Partito Democratico e Forza Italia, con il gesto di Berlusconi, si dimostra l’unico soggetto politico che antepone l’interesse dei romani a quello dei partiti.”