“Su pensioni intervengono Governo e Parlamento, non altri”

“Su pensioni intervengono Governo e Parlamento, non altri”

“Sulla questione delle pensioni, ritengo si debba evitare, fino a quando il problema non sarà risolto con un provvedimento legislativo, di insistere quotidianamente su un tema cosi delicato. Padoan, Cottarelli e principalmente il Presidente dell’INPS annunciano spesso proposte di rivisitazione della legislazione sulla previdenza. Soprattutto quest’ultimo dovrebbe invece assicurare che l’istituto che presiede funzioni ed evitare, ad esempio, tempi lunghissimi per il pagamento della cassa integrazione ai lavoratori. Il Governo e il Parlamento sono gli unici organi deputati ad intervenire in materia legislativa. Non si può ogni giorno allarmare le persone, un paese civile non può intimorire i pensionati rispetto al loro reddito, peraltro già diminuito rispetto allo stipendio e addirittura ipotizzare che possa ancora ridursi. E guardando ai giovani è necessario orientarli ed educarli per costruire un bagaglio previdenziale che possa garantire livelli di vita adeguati. In Commissione sono state depositate diverse proposte di legge che inseriscono elementi di flessibilità in uscita rispetto la Riforma Fornero, si sta lavorando per trovare soluzioni adeguate, ma il Governo deve dare delle risposte concrete e soprattutto definitive. Bisogna far capire agli italiani quale sarà il loro futuro, orientarli rispetto scelte importanti e dare finalmente una risposta agli esodati, alle donne, ai cosiddetti quota 96 e a coloro che hanno il problema delle ricongiunzioni onerose che aspettano da tempo.” Così Renata Polverini (FI), Vice Presidente della Commissione Lavoro intervenendo nel corso dell’audizione del Ministro Poletti.

“Riflettiamo tutti sulle parole del Santo Padre e impegniamoci a rimettere il lavoro e la persona al centro delle scelte della politica”

“Riflettiamo tutti sulle parole del Santo Padre e impegniamoci a rimettere il lavoro e la persona al centro delle scelte della politica”

Riflettiamo tutti sulle parole del Santo Padre e impegniamoci a rimettere il lavoro e la persona al centro delle scelte della politica e non degli interessi dell’economia di mercato.” Così in una nota la deputata di Forza Italia, Renata Polverini, Vice Presidente della Commissione Lavoro. “Da Torino è arrivata una esortazione ad agire subito e con coraggio per creare posti di lavoro, senza aspettare la tanto attesa e promessa ripresa, e questo deve essere un imperativo per il governo e per tutto il Parlamento: lo è comunque per Forza Italia. E non deve essere un lavoro precario o di bassa qualità perché, come è scritto nell’Enciclica Laudato sì “il lavoro é una necessità, è parte del senso della vita su questa terra” e non può essere ridotto a merce come purtroppo rischia di accadere con il Jobs Act di Renzi.

“Non abbandonare lavoratori Ast Thyssenkrupp al loro destino”

“Non abbandonare lavoratori Ast Thyssenkrupp al loro destino”

Roma, 9 Ottobre-”Non si possono abbandonare al loro destino i lavoratori e le famiglie della Ast Thyssenkrupp. Su questa vicenda Il Governo deve muoversi con responsabilità senza continuare a rimanere alla finestra se non vuole portare definitivamente il Paese alla desertificazione industriale. E’ necessario un intervento deciso del ministro Guidi e del presidente del consiglio che non può continuare a voltare le spalle davanti ai veri problemi. Senza una vera politica industriale non ci può essere vera ripresa ed é inutile continuare a nascondersi dietro riforme che appaiono sempre di più una foglia di fico di una maggioranza incapace nel risolvere i veri nodi dell’economia italiana.” così in una nota la deputata di Forza Italia, Renata Polverini, Vice Presidente della Commissione Lavoro.

“Oggi in CdM vero e proprio golpe contro il settore bancario.”

“Oggi in CdM vero e proprio golpe contro il settore bancario.”

Roma, 20 Gennaio-”Un vero e proprio golpe quello del Governo Renzi contro il settore bancario che in Cdm cancella, con un tratto di penna, le banche popolari: è un favore fatto alla finanza internazionale, alle grandi banche italiane soprattutto a quelle che devono essere a tutti i costi salvate come MPS e CARIGE. Probabilmente Renzi ha agito sotto dettatura dei poteri forti che non si rassegnavano ad uno spazio di libertà e di rispetto per le famiglie e le imprese come quello garantito da un sistema creditizio dove gli azionisti si contano e non si pesano. In Parlamento, Forza Italia alzerà le barricate contro questo ennesimo abuso della decretazione d’urgenza fatto per di più in assenza dell’arbitro del Quirinale.” così la deputata di Forza Italia, Renata Polverini.